Firefox 42 e Java 8u66 crash plugin

Firefox 42 e Java 8u66 non vanno assolutamente d’accordo…
me ne sono accorto perchè, man mano che si stanno aggiornando i browser alla versione 42 di Firefox, nei vari uffici in cui lavoro, tutti smadonnano col sottoscritto perchè non accedono ai siti che sfruttano Java…

La soluzione momentanea ce la offre il sito di Java, sperando che FF corra al più presto ai ripari con il rollup di un nuovo update…

Per praticità, riporto solo la prima opzione di risoluzione (la più semplice):

Opzione 1 (il metodo più semplice)
Aggiungere il nome della proprietà dom.ipc.plugins.java.enabled nelle preferenze di Firefox
  1. Avviare Firefox
  2. Digitare about:config nella barra dell’indirizzo
  3. Viene visualizzato un messaggio di avvertenza di Firefox sulle impostazioni di configurazione. Dopo aver confermato l’avviso di Firefox, dovrebbe essere visualizzata una lista delle preferenze di configurazione.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi all’interno della lista delle preferenze visualizzata. Selezionare Nuovo, quindi Booleano.
  5. Aggiungere il nome della proprietà dom.ipc.plugins.java.enabled 
    Aggiungere il nome della preferenza dom.ipc.plugins.java.enabled.
  6. Nella finestra visualizzata selezionare false. Quindi, selezionare OK.
Pubblicato su Internet & Tech, Manutenzione pc, Tips, Troubleshooting. Tag: , , , . Commenti disabilitati su Firefox 42 e Java 8u66 crash plugin

Garmin ForeRunner 10 ora sbagliata

Ho di recente acquistato su Amazon un orologio GPS per la corsa, il Garmin ForeRunner 10.

Con mia sorpresa ho notato che l’orario ricevuto dai satelliti GPS era sfasato di un’ora in avanti.

Per risolvere questo problema ci sono due strade:

– impostare l’orario manualmente (cosa che poco mi piace: se possiamo avere l’accuratezza dell’ora GPS, perchè rinunciarvi?);

– effettuare un aggiornamento firmware del dispositivo;

Il problema consiste in un’errata gestione dell’ora legale/solare. Questo problema infatti si è presentato a tutti i possessori di questo orologio (che comunque è di recente costruzione) dopo il passaggio dall’ora legale a quella solare.

Garmin ha rilasciato da poco più di un mese l’aggornamento 2.10 che risolve il problema dell’ora sbagliata, pertanto se acquistate questo orologio in questo periodo è probabile che vi sia venduto con la versione software 2.0 che presenta ancora il difetto in questione.

Per effettuare l’aggiornamento software vi basta collegare l’orologio al PC mediante il cavo in dotazione ed entrare nella Garmin myDashboard situata al seguente indirizzo:

https://my.garmin.com/mygarmin/dashboard/dashboard.htm

Se è la prima volta che entrate in questo sito vi sarà chiesto di installare il Garmin Communicator Plugin, necessario per comunicare col vostro dispositivo.

Se il vostro ForeRunner ha una vecchia versione software vi sarà proposto di effettuare l’aggiornamento.

Prima di avviare la procedura è importante accertarsi che l’orologio sia competamente carico.

Durante il caricamento del nuovo software non staccate per nessun motivo il cavo usb. Prendete le dovute precauzioni affinchè una momentanea interruzione di energia elettrica non vi faccia spegnere il pc in questa fase delicata: utilizzate un portatile carico o un pc protetto da gruppo di continuità.

Una volta terminato il caricamento del nuovo software nell’orologio, un messaggio sul PC vi avviserà di staccare il cavo usb.

A questo punto l’orologio ci metterà un paio di minuti ad effettuare l’aggiornamento: nel frattempo non toccate nessun tasto e non ricollegatelo alla porta usb.

Una volta terminato l’aggiornamento spegnetelo e riaccendetelo e l’ora vi comparirà correttamente.

Mi scuso per l’assenza di immagini nel presente post ma spero di esservi stato comunque di aiuto per risolvere il mio (inizialmente) e vostro problema.

A breve, se avrò tempo, cercherò di postarvi una recensione del ForeRunner 10, dopo che l’avrò provato intensamente su strada.

Pubblicato su Internet & Tech, Orologi, Troubleshooting. Tag: , . Commenti disabilitati su Garmin ForeRunner 10 ora sbagliata

Ripristinare il bootloader di Windows 7

Avete voluto provare Linux, vi siete “pentiti” e non ne potete più di quella schermata che ogni volta che accendete il computer vi chiede quale sistema operativo avviare?

Tranquilli, non dovrete formattare, basterà riparare il bootloader.

La seguente procedura vi consente di ripristinare il bootloader di Windows 7 e necessita del supporto di installazione dello stesso (dvd o pendrive usb).

Inserire il supporto di installazione di Windows7 facendo in modo che il computer faccia il boot da lì anzichè dal vostro hard disk. In altre parole dovrete far finta di dover reinstallare Windows7, anche se la procedura ovviamente non sarà la stessa.

Quando vi comparirà questa schermata premete Avanti:

Immagine

Vi comparirà quest’altra schermata che vi è già familiare, dove stavolta però dovrete scegliere la voce “Ripristina il computer“:

Immagine

Il vostro computer “macinerà” un pò finchè non vi comparirà una schermata di questo tipo:

Selezionate la partizione su cui è installato il vostro Windows7 e premete Avanti.

Vi comparirà questa finestra da cui dovrete scegliere la voce “Prompt dei comandi“:

A questo punto basterà digitare i seguenti comandi, ciascuno seguito dalla pressione del tasto invio:

bootrec /fixboot

bootrec /fixmbr

Avete già finito, chiudete la finestra del Prompt dei comandi, premete Riavvia, togliete il supporto di installazione di Windows7 e fate partire il vostro pc normalmente.

Hard reset Nokia E71

Se il vostro telefono si comporta in modo strano (si blocca, si riavvia…) prima di portarlo in assistenza si può tentare la strada dell’Hard Reset (HR), un’operazione che riporta il telefono alle condizioni iniziali di fabbrica e che cancella tutti i vostri dati (sms, rubrica, email,  foto, video, impostazioni, programmi installati…).

La prima cosa da fare quindi è un backup dei vostri dati: vi consiglio di farlo con Nokia Pc Suite (ora Ovi Suite) perchè vi consente di decidere selettivamente cosa salvare. Prima del backup vi consiglio, se è possibile, di disinstallare i programmi che avete eventualmente installato sulla microsd (l’ideale sarebbe formattarla) e successivamente rimuovere la microsd, altrimenti verrà backuppata anche quella . L’hard reset non formatta la microsd ma personalmente preferisco rimuoverla. Fatto ciò possiamo procedere all’hard reset.

Sui cellulari Symbian ci sono 2 tipi di hard reset: la differenza è che uno si fa a telefono acceso (e richiede il codice di sicurezza) l’altra si fa a telefono spento (serve nei casi più gravi in cui il telefono non è in grado di avviarsi). Attenzione: Non fate l’hard reset se la batteria del vs telefono è quasi scarica.

HARD RESET #1
– accendete il telefono
– digitate questa sequenza: *#7370#
– vi sarà chiesto di inserire il codice di sicurezza (12345 se non l’avete mai modificato)
– il telefono si riavvierà tornando allo stato di fabbrica.

HARD RESET #2
– assicurarsi che il telefono sia spento
– premere contemporaneamente i seguenti tasti, tenendoli premuti : cornetta verde – asterisco – 3
– premere il tasto di accensione e rilasciarlo (solo quello) solo quando sentirete il telefono vibrare leggermente
rilasciare i 3 tasti solo quando il telefono vi chiede il codice pin oppure vi esce la schermata delle mani nokia.

Fatto ciò avrete un cellulare nuovo di zecca, agile e scattante.
Prima di ripristinare il backup vi consiglio di scaricare Nokia Software Updater (NSU) per vedere se ci sono nuovi firmware per il vostro telefono. L’aggiornamento firmware va fatto solo se la batteria è completamente carica e non va interrotto per nessun motivo, altrimenti vi toccherà portarlo in assistenza (il fallimento dell’aggiornamento tramite NSU è comunque coperto da garanzia).

Adesso reinserite la microsd, eseguite Ovi suite, collegate il vostro telefono al pc (vi sarà chiesto di installare un paio di programmi di supporto sul cellulare) e ripristinate il backup precedentemente creato.

Nokia E71: se la funzione blocco remoto “danneggia” la memory card

Oggi mi è venuta la brillante idea di provare la funzione blocco remoto (quella con cui inviando un sms  predefinito blocchi sia il telefono che la memory card). per prova, da un altro cellulare mi invio l’sms bloccante (avevo scelto la parola BLOCCATI), il telefono si blocca e sul cellulare da cui avevo fatto partire l’sms mi arriva pure la conferma… perfetto direi!

per sbloccare l’e71 inserisco il codice di protezione (che avevo già modificato rispetto al classico 12345) e fin qui tutto ok…ma dopo un po’ il cell mi dice memory card danneggiata! come??? 😮

nel panico la tolgo, la reinserisco e andando a vedere i dettagli della memoria scopro che la microsd è protetta da una password: vado per fare rimuovi password ma non la toglie!!!
ho provato il vecchio codice di default 12345, ho provato il mio codice di protezione modificato (che tra l’altro non entrava nemmeno tutto) ma non si sbloccava!!!
credevo di aver perso irrimediabilmente il contenuto della microsd e come un pirla non avevo nemmeno fatto un backup subito dopo l’acquisto!!!

Ci ho perso quasi un’ora tra prove e ricerche, ma alla fine ho risolto, senza formattare la memory card, grazie a questo: http://is.gd/cJ2JM

attenzione quindi: la password con cui viene protetta la memory card non è il codice di protezione del cellulare, bensi la “parola magica” (il messaggio bloccante, nel mio caso BLOCCATI) che avete impostato per bloccare il telefono tramite sms e non preoccupatevi se la parola non entra per intero!

Pubblicato su Nokia, Troubleshooting. Tag: , , , , . Commenti disabilitati su Nokia E71: se la funzione blocco remoto “danneggia” la memory card

Codec Intel Indeo iv50

Mi è capitato di recente di dover aprire su Windows 7 un filmato codificato con un vecchio codec (Intel Indeo Video 5.0): ebbene, sia con Windows Media Player, con Media Player Classic e con VLC ottenevo l’errore di codec mancante.

Dopo aver cominciato la disperata ricerca del codec, con il timore di incasinare il sistema con un codec vecchio o peggio ancora di trovare un virus, ho trovato la soluzione perfetta (senza installare nulla).

E’ sufficiente aprire il prompt dei comandi (si trova su Start-Tutti i programmi-Accessori) aprendolo come amministratori se usate Vista o Win7 (ossia anzichè aprirlo cliccando col tasto sinistro, aprirlo cliccando il tasto destro e scegliendo Esegui come amministratore) e digitare questo comando seguito da invio (se avete l’OS a 32 bit):

regsvr32 ir50_32.dll

Vi comparirà un messaggio tipo questo:

Fatto ciò, sarete in grado di aprire i vostri video codificati iv50 senza aver installato nulla e senza aver cambiato il vostro player preferito 🙂

Se avete il sistema operativo a 64 bit la procedura è leggermente diversa: leggete il commento di Giammarco (che ringraziamo) qui sotto.

Oops… the system encountered a problem (#700)

Questo errore me lo ha comunicato il sito di Gmail quando ho tentato di cancellare un account di posta esterno dal Mail Fetcherquella funzionalità di Gmail che consente di scaricare la posta dagli altri nostri account mediante server POP3).

Ho tentato infatti più volte di cancellare uno degli account esterni di cui avevo pianificato il controllo, ma  questo non andava via per nessun motivo.  E se cliccavo su “View history” oppure su “Check mail now” il server di Gmail mi restituiva l’errore in oggetto e l’intera pagina andava in tilt. Persino cambiando browser o disattivando momentaneamente le estensioni del Labs il problema persisteva. Un problema apparentemente senza soluzione.

Cercando una soluzione su Google ho scoperto questo workaround: è sufficiente passare momentaneamente alla vecchia versione del sito di Gmail (il cui link è presente a fondo pagina), poi andare nelle impostazioni e cancellare  come di consuetudine l’account esterno che vi causa il problema: questa volta dovrebbe sparire senza problemi. Fatto questo potete tornare alla nuova versione del sito (cliccando il link in alto a destra).

1.2.

3.

Pubblicato su gmail, Tips, Troubleshooting. Tag: , , , , . Commenti disabilitati su Oops… the system encountered a problem (#700)